img di fondo

img di fondo

giovedì 7 febbraio 2013

ADR: L'Italia firma il nuovo Accordo M 255

Come è noto il capitolo 1.5 dell’ADR prevede la possibilità di Accordi Multilaterali fra i paesi aderenti al fine di consentire alcune deroghe alla normativa.
Recentemente, il nostro paese ha firmato un nuovo accordo (M255) con il quale si prevede la possibilità, per le bombole in acciaio, saldate e ricaricabili, utilizzate per il trasporto del GPL (gas di petrolio liquefatto) con numero ONU 1011, 1075, 1965, 1969 e 1978, di essere esentate dall’obbligo di verifica dello stato interno.
Ad oggi gli accordi ancora in vigore firmati dall’Italia sono:
M202
sottoscritto dall’Italia il 29 ottobre 2010, riguarda la possibilità di consentire una frmazione dei conducenti (e quindi corsi ed esami) limitata al trasporto in colli e cisterne dei numeri ONU 1202, 1203, 1223, 1268, 1863 e 3475 (come peraltro previsto per gli esami del consulente per la sicurezza).

Scadenza: 31/12/2013

M220
sottoscritto dall’Italia il 14 gennaio 2011, riguarda la possibilità di trasportare recipienti in pressione contenenti materie pericolose delle classi 2 e 8 in recipienti a pressione di soccorso.  

Scadenza: 01/01/2014

M222

sottoscritto dall’Italia il 14 gennaio 2011, riguarda la possibilità di esonerare da alcune disposizioni dell’ADR il trasporto di alcune tipologie di rifiuti.  

Scadenza: 02/08/2015

M237
sottoscritto dall’Italia il 5 agosto 2011, riguarda la possibilità di esonerare (a certe condizioni) da alcune disposizioni dell’ADR il trasporto di gas e liquidi in recipienti a pressione ricaricabili approvati dal Dipartimento dei Trasporti degli USA.

Scadenza: 02/08/2015

M255
Questo Accordo è stato recentemente promosso dall’Italia il 19 dicembre 2012, ed è già stato sottoscritto dalla Francia. L’Accordo, come già specificato sopra,  prevede la possibilità, per le bombole in acciaio, saldate e ricaricabili, utilizzate per il trasporto del GPL (gas di petrolio liquefatto) con numero ONU 1011, 1075, 1965, 1969 e 1978, di essere esentate dall’obbligo di verifica dello stato interno.

Scadenza: 01/01/2017

Nessun commento: