img di fondo

img di fondo

lunedì 28 maggio 2007

RID 2007: le novità!

Da Orange Project alcune novità su RID 2007:

La stragrande maggioranza delle modifiche apportate al RID 2005 con la nuova edizione del RID 2007 sono le stesse che caratterizzano l’edizione 2007 dell’ADR.
Pur tuttavia la specificità del trasporto ferroviario richiede che, da una parte, alcune modifiche tipiche del trasporto stradale (quale ad esempio l’introduzione di nuovi requisiti per le gallerie stradali) non siano ovviamente state considerate, e, dall’altra, che siano state invece introdotte modifiche specifiche per il trasporto ferroviario.
Ecco di seguito sottolineate alcune delle modifiche specifiche del RID 2007.

Definizioni

Una prima modifica di carattere generale è costituita dalla introduzione, nel capitolo 1.2, di una nuova definizione, quella di “documento di trasporto”.
Tale definizione va a sostituire (in tutto il testo del RID e, in particolare, nel capitolo 5.4) la precedente dicitura “lettura di vettura”.
In tal modo tale definizione, di carattere più generale, comprende sia la lettera di vettura secondo la CIM sia la lettera di carro secondo i contratti di utilizzazione dei veicoli (CUV).

Disposizioni speciali

E’ stata introdotta, nel Capitolo 6.8, una nuova disposizione speciale TE25, relativa alle disposizioni per la protezione contro l’accavallamento dei respingenti
In essa viene specificato che i serbatoi dei carri-cisterna devono essere protetti da particolari misure per evitare l’accavallamento dei respingenti e il deragliamento, o almeno per limitare i danni durante l’accavallamento dei
respingenti:
a) Dispositivi anti-accavallamento dei respingenti
b) Misure per limitare i danni durante l’accavallamento dei respingenti
c) Copertura “sandwich” per i fondi delle cisterne.
d) Placca di protezione ad ogni lato frontale (testata) del carro

Contenitori

Nel paragrafo 7.1.3, è stato cancellato il riferimento alla Fiche UIC n. 590 (relativa ai piccoli contenitori), dal momento che tale Fiche è stata annullata dalla stessa UIC.
fonte: Orange Project

Nessun commento: