img di fondo

img di fondo

martedì 20 marzo 2007

Livorno: nave cisterna riversa in mare olio combustibile!


Livorno: nave cisterna perde in mare olio combustibile a causa del maltempo!

Ancora un incidente in mare con merci pericolose!
“Basta sversamenti in mare. L’Italia deve dotarsi al più presto di tutte le norme utili per rendere più sicuro il trasporto su mare di sostanze pericolose.” Così Ermete Realacci, presidente della Commissione Ambiente, Territorio e Lavori Pubblici della Camera, commenta l’incidente della nave cisterna Chem Star Eagle, che ieri a causa del maltempo, ha perso nove tonnellate di olio combustibile in mare a largo di Livorno.
La nave, battente bandiera Panamense, imbarca anche 4750 ton. di stirene, un liquido altamente infiammabile e tossico (UN 2055).

Ancora una volta è stato sfiorato il grosso incidente ambientale!

“Per fortuna, sembra che la portata dell’incidente sia contenuta!" commenta ancora Realacci.

Il ministero dell'Ambiente ha comunicato che sono già iniziate le operazioni di messa in sicurezza della nave cisterna.
«La Direzione per la Protezione della natura - ha comunicato il Ministero dell'Ambiente - ha predisposto l'invio urgente di materiale di contenimento, dal deposito di Genova, tra cui attrezzature e mezzi di ancoraggio, allo scopo di evitare lo spiaggiamento del combustibile. La nave, nel frattempo, è stata rimorchiata nel porto di Livorno, dove potrà essere messa in sicurezza».

Si esclude al momento la perdita di stirene!

fonte: www.primapress.it/www.bolina.it
immagine: www.bolina.it

1 commento:

enzo rapezzi ha detto...

salve.sono un operatore ecologico della ditta Labromare che si è occupata sin dai primi istanti dell'accaduto ,di questo caso.in prmis al momento dell'accaduto c'erano già dei nostri mezzi lungomare,precisamente sul viale italia,dove si è raggruppato il maggior quantitativo di olio combustibile investendo strade,case ed autovetture poste a circa 50/70 metri dal mare.in secondo,io principalemte, sono stato all'ertato al momento dell'ngresso della nave in porto,Darsena toscana, dove abbiamo fatto assistenza assieme ai guardia fuoco della Sicurmare ed Agip, ai possibili ulteriori verzamenti in mare contenendo ed aggirando la nave con panne assorbenti.Dopodichè abbiamo atteso il Chimico di porto il quale ha scongiurato qualsiasi altro pericolo.Dopo ci siamo diretti ulteriormente lungomare per continuare le bonifiche,le quali sono tutt'ora in corso e dureranno per altro tempo.Per quanto io possa sapere non c'è arrivato alcun materiale a noi da genova,ma abbiamo utilizzato solo e soltanto mezzi ed attrezzature a nostra disposizione.comunque sia,non perchè lavori presso questa ditta e quindi per mio interesse ne faccia pubblicità,ma nessuno e dico nessuno a mai fatto pubblicità alla società Labromare e soprattutto ai suoi uomini che nonostante il maltempo perdurato per diversi giorni,hanno lavorato per via terra e via mare per rendere la costa vivibile e visibile,dato il colore nero.