img di fondo

img di fondo

venerdì 30 marzo 2007

Incidenti e costo "sociale"

Gli incidenti stradali che coinvolgono il trasporto di merci pericolose.
(analisi del costo “sociale” nel periodo 2000-2004)

Gli incidenti stradali che coinvolgono il trasporto di merci pericolose hanno conseguenze che vanno ben oltre gli effetti di un sinistro tra veicoli convenzionali.
Difatti se il carico pericoloso fuoriesce, oltre alle conseguenze dirette del sinistro, possono essere generati danni secondari per l’ordine e la sicurezza pubblica. (es. sversamento di liquido tossico a seguito del ribaltamento di una cisterna)
Il costo “sociale” totale di questi particolari sinistri deve pertanto essere comprensivo delle seguenti voci:

  • Inquinamento atmosferico,
  • Cambi climatici,
  • Effetti sulla natura,
  • Processi di “up & down stream”,

Ricordo che per “costo sociale” del sinistro si intende la somma dei valori delle seguenti voci:

  • Costi sociali da incidentalità stradale

- Valore del rischio (perdita di utilità per le persone decedute o ferite) e danni morali per familiari e conoscenti,
- Perdita del capitale umano (perdite nette di produzione per l’allontanamento permanente o temporaneo dal posto di lavoro),

-
Cure ospedaliere,
- Costi amministrativi (forze dell’ordine preposte alla sicurezza stradale),
- Danni materiali a proprietà terze,

  • Costi sociali da perditempo dovuti alla incidentalità stradale

Uno studio commissionato dal Ministero dei Trasporti al Politecnico di Milano (DiAP), ha individuato questi costi (espressi in milioni di €) per il periodo 2000-2004 riassunti nella seguente tabella:

Anno

Costi totali da incidentalità stradale

Costi totali da perditempo

Costi totali specifici per sinistri con merci pericolose

totali

2000

32.990

527

1.576

35.093

2001

34.612

542

1.666

36.821

2002

36.033

560

1.596

38.189

2003

34.479

574

1.550

36.604

2004

31.559

589

1.552

33.700

(Fonte: elaborazioni DiAP-Politecnico di Milano sulla base di dati del Ministro Trasporti)

Questi risultati, danno la dimensione del fenomeno che indica che il costo a carico della collettività degli incidenti stradali nel nostro paese è molto oneroso e risulta essere di poco superiore alla media stimata per i paesi Europei dall’UE (2% del Prodotto Interno Lordo).
L’incidenza del costo relativo ai sinistri con merci pericolose rispetto al totale dei costi per l’anno 2004 è stato circa del 5%.

fonte: Conto Nazionale delle Infrastrutture e dei Trasporti (2004) - Min.Trasporti

immagine: www.varesenews.it


venerdì 23 marzo 2007

Ermes

Nell'ambito della quinta edizione del convegno sulla valutazione e gestione del rischio negli insediamenti civili ed industriali (VGR 2006) che si è tenuto a Pisa il 17-19 Ottobre 2006, è stato presentato uno studio per procedere alla valutazione del rischio "security" in caso di trasporto di merci pericolose.
Da questo studio è derivata una metodologia tradotta poi in un'applicazione software chiamata Ermes.
Sul sito della società Sindar un approfondimento di questo metodo.

fonte: Sindar srl


Reach: le preoccupazioni del Cnel

"Abbassamento competitività ed innalzamento dei costi per le imprese europee...". Questo l'allarme lanciato dal Consiglio nazionale dell'economia e del lavoro alla vigilia dell'entrata in vigore del nuovo regolamento Ue sulle sostanze pericolose.

E' stato diffuso dal Cnel un documento contenente le osservazioni e le proposte sul Reach.
"Il Regolamento REACH, rappresenta un importante quadro normativo in materia di sostanze chimiche e costituisce una delle più significative iniziative comunitarie sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori, dei consumatori e dell’ambiente. Il CNEL condivide pienamente le finalità della nuova normativa, volta ad assicurare una maggiore protezione della salute e dell’ambiente attraverso una migliore conoscenza e gestione delle sostanze chimiche, anche nelle loro diverse combinazioni. In particolare, ritiene che l’adozione del REACH potrebbe avere ricadute positive su tutti i settori interessati per quanto riguarda la ricerca, l’innovazione e il trasferimento tecnologico, nonché sulla sicurezza dei lavoratori e dei consumatori e sulla tutela della salute e non ostacolare la crescita e lo sviluppo".

Il Cnel ritiene però indispensabile che siano affrontati con urgenza alcuni rilevanti nodi critici che riguardano da un lato il rapporto tra REACH ed il sistema di regole del commercio mondiale (il Reach potrebbe avvantaggiare i prodotti extra Ue) e dall'altro l'applicazione del Regolamento sul territorio Italiano (principio OSOR, One Substance One Registration).

Per tutti i dettagli è possibile consultare qui il testo.

fonte: www.sicurweb.it
immagine: www.swissinfo.org

Interrogazione parlamentare per l'incidente in mare di Livorno

Voglio tornare, stamane, all'incidente della nave cisterna Chem Star Eagle che il giorno 19 Marzo ha perso in mare, a largo di Livorno, 9 ton. di olio combustibile a causa di una falla nel fianco provocata dalle conseguenze del fortissimo vento di libeccio (50 nodi!) che ha spazzato la costa Livornese.
Ne ho già dato notizia su queste pagine.
Pur scongiurato il pericolo maggiore (la perdita in mare del carico: Stirene!), rimane la gravità, a detta del comune di Livorno, dell'incidente per l'inquinamento marino da idrocarburi che dovrà essere rapidamente bonificato per scongiurare danni all'ambiente marino e alla salute dei bagnanti, in un tratto di costa estremamente frequentato durante la stagione turistica estiva.
In proposito invito alla lettura del documento con il quale l'On. Ermete Realacci (Ulivo) ha posto un interrogazione parlamentare alla quale sono invitati a rispondere il Presidente del Consiglio dei Ministri e il Ministro dell'Ambiente.
In questo documento si pone, tra l'altro, il problema della ratifica della convenzione internazionale Bunker Oil (copertura dei danni ambientali da sversamento di carburante) e Hazardous Noxious Substances (trasporto sostanze pericolose diverse dagli idrocarburi) per gestire le problematiche che sorgono con questo tipo di incidenti.

fonte: www.avvisatore.it

mercoledì 21 marzo 2007

Arriva il RID 2005! (Non è un errore!)



Sul Supplemento Ordinario n. 74 alla Gazzetta Ufficiale n. 65 del 19 marzo 2007 è stato pubblicato il Decreto del Ministro dei Trasporti del 7 novembre 2006, con il quale si recepiscono le Direttive 2004/89/CE e 2004/110/CE, vale a dire gli emendamenti 2004 e 2005 al RID.
Si! avete letto bene RID 2005!
Ricordo che questo regolamento (Accordo internazionale per il trasporto di merci pericolose via ferrovia) è stato aggiornato dal nuovo RID 2007 in vigore dal 01/01/2007!

Qualche cosa non ha funzionato per il verso giusto!

A quando il Decreto di recepimento del RID 2007??

fonte: Orange Project
immagine: Ars edizioni infomatiche

L'ADR 2007 è legge anche in Italia!


Sulla Gazzetta Ufficiale n. 66 del 20 marzo 2007 è stato pubblicato il Decreto del Ministro dei Trasporti del 3 gennaio 2007 con il quale si recepisce la Direttiva 2006/89/CE del 3 novembre 2006.
Con questo Decreto viene formalizzata l'entrata in vigore dell'ADR 2007, indicando che l'applicazione delle relative disposizioni decorre dal 1 gennaio 2007, con un periodo transitorio previsto fino al 30 giugno 2007.

martedì 20 marzo 2007

Livorno: nave cisterna riversa in mare olio combustibile!


Livorno: nave cisterna perde in mare olio combustibile a causa del maltempo!

Ancora un incidente in mare con merci pericolose!
“Basta sversamenti in mare. L’Italia deve dotarsi al più presto di tutte le norme utili per rendere più sicuro il trasporto su mare di sostanze pericolose.” Così Ermete Realacci, presidente della Commissione Ambiente, Territorio e Lavori Pubblici della Camera, commenta l’incidente della nave cisterna Chem Star Eagle, che ieri a causa del maltempo, ha perso nove tonnellate di olio combustibile in mare a largo di Livorno.
La nave, battente bandiera Panamense, imbarca anche 4750 ton. di stirene, un liquido altamente infiammabile e tossico (UN 2055).

Ancora una volta è stato sfiorato il grosso incidente ambientale!

“Per fortuna, sembra che la portata dell’incidente sia contenuta!" commenta ancora Realacci.

Il ministero dell'Ambiente ha comunicato che sono già iniziate le operazioni di messa in sicurezza della nave cisterna.
«La Direzione per la Protezione della natura - ha comunicato il Ministero dell'Ambiente - ha predisposto l'invio urgente di materiale di contenimento, dal deposito di Genova, tra cui attrezzature e mezzi di ancoraggio, allo scopo di evitare lo spiaggiamento del combustibile. La nave, nel frattempo, è stata rimorchiata nel porto di Livorno, dove potrà essere messa in sicurezza».

Si esclude al momento la perdita di stirene!

fonte: www.primapress.it/www.bolina.it
immagine: www.bolina.it

lunedì 19 marzo 2007

REACH: il Senato designa il Ministero della Salute quale "autorità competente"

REACH:
Il Senato approva il ddl con il quale il Ministero della Salute è stato designato quale "autorità competente" ai sensi dell’articolo 121 del regolamento REACH.

Il provvedimento è stato reso possibile dall'impegno "forte" del Governo rappresentato da Gianpaolo PATTA, Sottosegretario al Ministero della Salute, con delega al "REACH".
La decisione è stata approvata dal Senato tramite un emendamento sul REACH, che ha introdotto l'art. 5-bis nella conversione del decreto-legge 15/02/2007 n. 10, recante disposizioni volte a dare attuazione ad obblighi comunitari ed internazionali.
Il testo è stato approvato dal Senato il 14/03/2007.
Il provvedimento prevede che entro sessanta giorni dalla data di entrata in vigore del decreto, è approvato il piano di attività riguardante i compiti e l'utilizzo delle risorse (previste al comma 5).
Per l'esecuzione delle attività previste al comma 1, l’autorità competente si avvale del supporto tecnico-scientifico dell’Agenzia per la protezione dell’ambiente e per i servizi tecnici e dell'ISS. Quest’ultimo istituisce, a tale scopo, nell’ambito delle proprie strutture, il Centro nazionale delle sostanze chimiche (CSC).
Per l'attuazione delle disposizioni è autorizzata la spesa nei limiti di 2,1 milioni di euro per l'anno 2007, di 4,4 milioni di euro per l'anno 2008 e di 4,6 milioni di euro a decorrere dall’anno 2009.

Naturalmente, per entrare in vigore, il testo dovrà essere approvato anche dalla Camera dei Deputati.

Ricordo inoltre che, come già a suo tempo anticipato, la rivista Plastix organizza un Convegno nazionale sul Reach alla Fiera di Parma, venerdì prossimo, 23 Marzo 2007 (ore 10-13).
Questa è un'occasione unica per saperne di più sul nuovo regolamento! venite numerosi!
All'incontro interverranno relatori qualificati, tra cui:
  • - Giulio Sesana e Carlo Sala dell’ARPA Lombardia
  • - Ilaria Malerba dell'ufficio Sicurezza Prodotti Direzione di Federchimica.
  • - Rino Pavanello dell'Associazione Ambiente e Lavoro
L'iniziativa ha il patrocinio di: Associazione Ambiente e Lavoro, Associazione Italiana Di Ingegneria Chimica (AIDIC), Associazione Italiana degli Igienisti Industriali (AIDII), Società Chimica Italiana (SCI) e Associazione italiana dei Tecnici delle Materie Plastiche (TMP)

La partecipazione è libera.

Fonte: Associazione Ambiente e Lavoro

mercoledì 14 marzo 2007

Ancora un incidente con merci pericolose!


Bersezio: tir ribaltato, forse a bordo sostanze pericolose

Incidente ieri pomeriggio, intorno alle 16.00 sul Colle della Maddalena, tra Bersezio e Argentera in provincia di Cuneo, dove si è ribaltato un camion. Nonostante non vi siano ancora notizie certe, sembra che il mezzo trasportasse sostanze pericolose e che il conducente sia rimasto incastrato tra le lamiere.

Sul posto tre squadre dei vigili del fuoco di Cuneo, tra cui un'autogru e il Nucleo NBCR (nucleare-batteriologico-chimico-radiologico), un elicottero del 118 e un velivolo dei vigili del fuoco proveniente da Torino.

fonte: www.targatocn.it
foto: www.targatocn.it

Attendiamo notizie più dettagliate!

venerdì 9 marzo 2007

La commissione di coordinamento Ministeriale sul trasporto di merci pericolose

"Che fine ha fatto... la Commissione di coordinamento sul trasporto di merci pericolose istituita con il decreto del ministro Lunardi dell’11 ottobre 2005???: si è riunita una sola volta, per essere insediata, e poi … più niente !"

Ne ho parlato anche qui molto tempo fa.

"Era (ed è ancora), l’occasione per un lavoro comune tra Ministero, esperti e operatori, per risolvere i tanti problemi esistenti: un organismo a costo praticamente zero per il Ministero, un organismo rappresentativo delle diverse modalità di trasporto, un organismo che aveva già all’ordine del giorno la risoluzione di problemi rilevanti ed urgenti, quali le gallerie stradali, l’armonizzazione delle procedure di omologazione e ricondizionamento degli imballaggi, la revisione dell’articolo 168 del codice della strada, il recepimento delle direttive ADR e RID, ecc."

Con queste parole Sergio Benassai, nell'intervista pubblicata ieri da Orange Project, mette in evidenza le.....carenze "Ministeriali" sulle tematiche del trasporto di merci pericolose nel nostro paese e stila un bilancio "Italiano" non proprio positivo.

l'intervista

fonte: Orange Project

giovedì 8 marzo 2007

Tramerper

Un nuovo "blog" in rete sulle merci pericolose!

"TRAMERPER - transport dangerous goods & classification hazardous substances" (in lingua Inglese)

l'autore è Sergio Benassai, persona conosciuta agli addetti ai lavori, in quanto è stato Presidente del Sottocomitato esperti ONU per il trasporto di merci pericolose nonchè autore di un altro blog dal titolo "il blog di merci pericolose.it" e curatore delle traduzioni in lingua Italiana di ADR/RID/IMDGcode.
La notizia la da lo stesso interessato, intervistato da Orange Project.
In questa intervista, l'Ing. Benassai fa il punto della situazione dopo 10 anni di Presidenza del Comitato Esperti ONU e 20 anni di impegno internazionale nel campo delle normativa sul trasporto di merci pericolose, volgendo lo sguardo anche al futuro.

Per il testo integrale dell'intervista, leggere qui

fonte: Orange Project

martedì 6 marzo 2007

Rilascio del CFP - ADR: Circolare Prot. 3127 DIV4-E


Segnaliamo oggi, la circolare prot. 3127 DIV4-E della Direzione Generale per la Motorizzazione Dipartimento per i Trasporti Terrestri del 11 Gennaio 2007, che illustra le principali novità introdotte dal Decreto ministeriale 6 ottobre 2006 su: "Attuazione delle norme concernenti la formazione professionale dei conducenti dei veicoli adibiti al trasporto di merci pericolose su strada, con riferimento alla direttiva 94/55/CE".

Leggi la circolare

fonte: Flashpoint srl

sabato 3 marzo 2007

IMDGcode e intermodalità


IMDGcode e intermodalità

Un approfondimento sul rapporto tra la normativa marittima relativa alle merci pericolose e quella stradale ADR. Le deroghe per alcuni particolari trasporti intermodali (il trasporto di veicoli stradali in traghetto)

La norma IMDG Code è in vigore anche nel nostro Paese per i trasporti nazionali di merci pericolose via mare. Però, L'applicazione di questa normativa nel caso del trasporto intermodale crea alcuni problemi, perché è più restrittiva rispetto al regolamento stradale (ADR).
Il Ministero dei Trasporti con il decreto ministeriale 18/11/2005 nr. 1105, ha agevolato in parte il compito delle aziende, prevedendo delle facilitazioni per il trasporto nazionale di merci pericolose su traghetti.

Leggi su www.trasportoadr.it l'approfondimento.

venerdì 2 marzo 2007

AMBIENTE LAVORO: BOLOGNA 6-8 GIUGNO 2007


Fiera AMBIENTE LAVORO
dal 6 all'8 Giugno 2007 al quartiere fieristico di Bologna

AMBIENTE LAVORO si conferma anche per il 2007 come l’evento in grado di concentrare tutti gli operatori, gli enti e le associazioni, pubblici e privati, che in Italia si occupano di salute e sicurezza in ambiente di lavoro.
AMBIENTE LAVORO offre grandi opportunità dal punto di vista della formazione e dell’informazione con l’organizzazione ad anni alterni, dei due eventi:
- la fiera AMBIENTE LAVORO, con sede a Bologna, in cui è rilevante l’esposizione dei prodotti e l’aggiornamento tecnologico,
- la convention AMBIENTE LAVORO, che continua a svolgersi nella sede originaria di Modena, in cui viene valorizzata la parte culturale e formativa.

All'interno di questo importante evento, tra gli altri, spicca il convegno organizzato da ARS EDIZIONI INFORMATICHE e comitato Orange Project dal titolo:
"Armonizzazione normativa trasporto merci pericolose: dall'ADR/RID 2007 all'emendamento 33 del IMDGcode" in programma il giorno 07/06/2007 presso la sala dei 300 al centro servizi della fiera alle ore 14.00

Altri importanti workshop saranno dedicati invece al nuovo regolamento Reach di prossima attuazione:

- "Reach anno zero: la nuova gestione delle sostanze chimiche" organizzato da ARS EDIZIONI INFORMATICHE e Flashpoint Srl, in programma per il giorno 06/06/2007 - sala Allegretto - ore 10.00,
- "Reach: il nuovo regolamento per la sicurezza delle sostanze chimiche" organizzato da INFORMA-GRUPPO EPC, in programma per il giorno 07/06/2007 - sala Concerto - ore 14.30,
- "Reach: il nuovo regolamento per le sostanze chimiche. la registrazione, la valutazione, l'autorizzazione e la restrizione" organizzato da Regione Emilia-Romagna, USL Modena e ASS. Ambiente e Lavoro - Mi, in programma per il giorno 08/06/2007 - sala Europa - ore 9.00,

Infine, non per minor importanza il convegno dal titolo:
"La gestione dei rifiuti - correlazione tra la disciplina dei rifiuti e l'ADR" organizzato da TPS GROUP e POLISTUDIO, in programma il giorno 06/06/2007 - saletta TPS Group/pad. 22 - ore 13.45

(tutti i programmi e gli orari, nonchè le sale, sono ancora provvisori!)

Per saperne di più visitate il sito SENAF al link:
http://www.senaf.it/convegni.asp?fieraid=105

Torneremo, comunque, con altre notizie su questo importante appunatmento.

fonte: www.senaf.it
immagine: www.senaf.it