img di fondo

img di fondo

lunedì 17 luglio 2006

Obiettivo: normativa 2009

Si è tenuta, come già in precedenza segnalato, a Ginevra, dal 3 all’11 luglio 2006, la 29^ sessione del SottoComitato esperti ONU sul trasporto di merci pericolose.
Nel corso della riunione si è deciso quanto segue (si ricorda che le disposizioni conseguenti a tali decisioni saranno operative, previo accordo delle organizzazioni modali interessate, a partire dal 01/01/2009).

Imballaggi

E’ stata approvata la proposta francese di inserire specifiche tecniche (in linea con lo standard ISO 2248) per la piattaforma da utilizzare per le prove di caduta.
Tali specifiche richiedono in particolare che:
- la massa della piattaforma sia almeno 50 volte la massa dell’imballaggio più pesante che si intende provare
- la superficie sia perfettamente piana (le differenze in altezza fra tutti i punti della superficie non devono superare i 2 mm)
- la superficie sia rigida (non si devono verificare deformazioni superiori a 0,1 mm sotto un carico di 10 kg)

GIR

E’ stata approvata la proposta inglese di richiedere l’apposizione di un marchio sui GIR per indicare se è consentito o meno l’impilamento (nel caso in cui ciò sia consentito deve essere indicata la massa massima consentita).

E’ stata approvata la proposta di richiedere che i prototipi dei GIR destinati a contenere liquidi siano sottoposti alla prova di vibrazione.
La prova, che potrà essere effettuata su un esemplare diverso da quello assoggettato alle altre prove previste, è basata sullo standard ASTM D 999-1 e prevede che il GIR sia sottoposto per un’ora ad una vibrazione con frequenza tale da permettere il suo sollevamento dalla piattaforma.
E’ stato previsto che le nuove disposizioni si applicheranno ai GIR per liquidi costruiti dopo il 31 dicembre 2010.

Batterie al litio

E’ stato deciso di sostituire, per alcune batterie al litio, il riferimento al contenuto di litio equivalente con quello all’energia minima espressa in watt-ora.

Altre batterie

Per allineare le disposizioni sul trasporto di merci pericolose al progresso tecnologico è stato deciso di introdurre nuove rubriche (nuovi numeri ONU) per le cartucce di pile a combustibile contenenti materie autoreattive o corrosive, individuando alcune specifiche tecniche cui devono rispondere e armonizzando con esse quanto già previsto per l’attuale rubrica UN 3473.

Excepted quantities

E’ stata adottata la proposta inglese di introdurre nelle Raccomandazioni ONU un nuovo capitolo 3.5 relativo alle “excepted quantities” (piccole quantità, inferiori alle “quantità limitate”, imballate in imballaggi con specifiche caratteristiche, che possono essere trasportate in esenzione) prendendo a riferimento (con alcune modifiche) quanto già contenuto nelle Technical Instructions dell’ICAO.

Materie pericolose per l’ambiente

Sono state confermate (con un voto di 8 a 7) le attuali disposizioni relative alle materie pericolose per l’ambiente. In particolare non è stato accettato il principio di richiedere l’apposizione dell’apposito marchio per tutte le materie pericolose per l’ambiente quando esse siano già classificate come pericolose per altre loro caratteristiche (come invece è previsto nel codice IMDG).

Disposizioni specifiche per alcune materie pericolose

Segnaliamo fra le altre le decisioni di:
- limitare a 2 anni l’utilizzo di GIR in plastica per UN 2031 (acido nitrico in concentrazione > 55%)
- aggiornare la lista dei perossidi organici
- poter trasportare le materie solide pericolose per l’ambiente in grandi contenitori chiusi (BK2)

Armonizzazione e “user-frendly”

E’ stato deciso di:
- prevedere, nelle prossime edizioni, l’indicazione “grafica” dei paragrafi che sono stati oggetto di revisione
- indicare, quando ritenuto necessario, un periodo di transizione per le nuove disposizioni (vedi in proposito, qui sopra, per la prova di vibrazione per i GIR)
- prendere contatto con la Universal Post Union per verificare le disposizioni relative al trasporto postale di merci pericolose
- valutare la possibilità di trasferire le parti “più tecniche” nel Manuale delle prove e dei criteri
- valutare l’utilità e le modalità di una revisione editoriale delle Raccomandazioni ONU

Materiale informativo

E’ stato deciso di mettere a disposizione sul sito web di ECE/ONU:
- i principi guida (ad esempio: criteri per l’assegnazione delle istruzioni di imballaggio e dei codici cisterna)
- la lista sistematica delle merci pericolose (articolata per classi, divisioni, gruppi di imballaggio, rubriche n.a.s., generali, specifiche, individuali) con le relative disposizioni

Si lavora quindi già per il 2009 e le novità sono tante.

Fonte: Orange Project

Nessun commento: