img di fondo

img di fondo

martedì 25 aprile 2006

La responsabilità civile nel trasporto di merci pericolose

Oggi colgo l'occasione per citare un interessante articolo sulla responsabilita' civile nel trasporto di merci pericolose scritto dal Dr. E.Fadda e pubblicato sulla rivista Logistica Management che mette a fuoco il problema della responsabilità delle parti nel trasporto ADR.
ecco l'articolo:
"Sulla base dell`evoluzione delle norme in materia di responsabilità, proprietari e mittenti di merci pericolose sono corresponsabili del mancato rispetto delle norme di sicurezza da parte del vettore. In relazione al numero di trasporti e di incidenti, le sanzioni oggi sono molto pesanti. Esistono due diversi piani di responsabilità: la prima è di natura contrattuale, legata cioè al mancato rispetto degli impegni assunti, la seconda è invece extracontrattuale e relativa al mancato rispetto di regole generali. Con l`influenza del diritto anglo-sassone si è affinato il concetto di responsabilità oggettiva, ovvero l`esistenza di una responsabilità a prescindere dalla colpa. Se l`evento dannoso si verifica vuol dire che non sono state adottate tutte le precauzioni necessarie, perché altrimenti l`evento non si sarebbe verificato: in sostanza si è in presenza di un tipico caso di responsabilità oggettiva. Le merci pericolose sono in grado, sia quando sono ferme, sia e soprattutto quando sono in movimento, di ledere i diritti alla salute e alla tutela dell`ambiente, riconosciuti dalla legge come diritti che obbligano al risarcimento. Il vettore può essere ritenuto responsabile del danno cagionato a terzi per aver trasportato merci pericolose senza rispettare le normali regole di diligenza, prudenza, perizia e per non aver rispettato leggi e regolamenti in vigore."

Anche l'art. 7 del nuovo D.Lgs. 21/11/2005 nr. 286 (riassetto normativo dell'attività di autotrasportatore) si orienta nella stessa direzione.
Ricordo altresì che lo stesso decreto ( art.11, comma 3 ), attraverso il Decreto attuativo del Ministero Delle Infrastrutture e Dei Trasporti 17 febbraio 2006, definisce le modalità e i tempi per l'adozione volontaria di sistemi di certificazione di qualità da parte delle imprese di autotrasporto, in particolare quelle operanti nel campo delle merci pericolose.

Quindi, più attenzione e più rispetto delle norme da parte di tutti coloro che figurano come parte attiva nel processo del trasporto di merci pericolose.

Nessun commento: