img di fondo

img di fondo

sabato 29 aprile 2006

Rifiuti Pericolosi - Milano 18/19 Maggio 2006

La società ARS Edizioni Informatiche organizza a Milano il 18/19 maggio 2006, un corso dedicato ai rifiuti pericolosi con riferimento alla nuova normativa in tema di ambiente

Quali sono i rifiuti pericolosi? Esistono procedure certe per la loro classificazione? Quali sono gli obblighi per il Produttore, il Destinatario e il Trasportatore?

Partendo dall'analisi del nuovo Testo Unico Ambientale e della normativa sulle sostanze pericolose, il corso fornirà risposte CERTE a queste e ad altre domande che, chi si occupa di rifiuti pericolosi e di normativa ambientale, si trova a dover affrontare quotidianamente.

Il corso consentirà ai partecipanti di:

1) apprendere i metodi per classificare i rifiuti speciali secondo la normativa vigente, e

2) acquisire la conoscenza dei rischi e delle responsabilità connessi alla gestione delle sostanze pericolose al fine del loro smalitmento,

attraverso due giornate complemetari di studio: la prima dedicata alla teoria, la seconda alla pratica

programma del corso

per altre informazioni guardare qui!

fonte: Ars Edizioni Informatiche

venerdì 28 aprile 2006

Le nuove norme per l'ambiente

Sul Supplemento ordinario n. 96 alla Gazzetta Ufficiale n. 88 del 14 aprile 2006 è stato pubblicato il Decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152, contenente "Norme in materia ambientale”.
Questo nuovo pacchetto normativo tocca da vicino anche i trasporti di merci pericolose e sopratutto il trasporto di rifiuti pericolosi.
A questo proposito vi invito alla lettura del post "Trasporto rifiuti" dell'Ing. S.Benassi su "il blog di merci pericolose.it"
Il Decreto.

giovedì 27 aprile 2006

Nuove procedure per le spedizioni via mare di merci pericolose

E’ stato pubblicato il Decreto Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti 21 marzo 2006, n. 278 (G.U. n. 90 del 18/4/2006 - Suppl. Ordinario n.98) che reca le procedure per il rilascio dell'autorizzazione all'imbarco e trasporto marittimo e per il nulla osta allo sbarco e al reimbarco su altre navi (transhipment) delle merci pericolose.
Tale decreto abroga il decreto 36/2004 del 13 gennaio 2004.
Per leggere il decreto guardate qui!

fonte: Flashpoint srl

martedì 25 aprile 2006

Il nuovo Decreto sulla disciplina del trasporto su strada delle merci pericolose in cisterne

Un nuovo importante decreto ( D. Ministero Infrastrutture e Trasporti 19/09/2005 ) per la disciplina del trasporto su strada delle merci pericolose in cisterne è stato emanato.
leggi il Decreto qui!

La responsabilità civile nel trasporto di merci pericolose

Oggi colgo l'occasione per citare un interessante articolo sulla responsabilita' civile nel trasporto di merci pericolose scritto dal Dr. E.Fadda e pubblicato sulla rivista Logistica Management che mette a fuoco il problema della responsabilità delle parti nel trasporto ADR.
ecco l'articolo:
"Sulla base dell`evoluzione delle norme in materia di responsabilità, proprietari e mittenti di merci pericolose sono corresponsabili del mancato rispetto delle norme di sicurezza da parte del vettore. In relazione al numero di trasporti e di incidenti, le sanzioni oggi sono molto pesanti. Esistono due diversi piani di responsabilità: la prima è di natura contrattuale, legata cioè al mancato rispetto degli impegni assunti, la seconda è invece extracontrattuale e relativa al mancato rispetto di regole generali. Con l`influenza del diritto anglo-sassone si è affinato il concetto di responsabilità oggettiva, ovvero l`esistenza di una responsabilità a prescindere dalla colpa. Se l`evento dannoso si verifica vuol dire che non sono state adottate tutte le precauzioni necessarie, perché altrimenti l`evento non si sarebbe verificato: in sostanza si è in presenza di un tipico caso di responsabilità oggettiva. Le merci pericolose sono in grado, sia quando sono ferme, sia e soprattutto quando sono in movimento, di ledere i diritti alla salute e alla tutela dell`ambiente, riconosciuti dalla legge come diritti che obbligano al risarcimento. Il vettore può essere ritenuto responsabile del danno cagionato a terzi per aver trasportato merci pericolose senza rispettare le normali regole di diligenza, prudenza, perizia e per non aver rispettato leggi e regolamenti in vigore."

Anche l'art. 7 del nuovo D.Lgs. 21/11/2005 nr. 286 (riassetto normativo dell'attività di autotrasportatore) si orienta nella stessa direzione.
Ricordo altresì che lo stesso decreto ( art.11, comma 3 ), attraverso il Decreto attuativo del Ministero Delle Infrastrutture e Dei Trasporti 17 febbraio 2006, definisce le modalità e i tempi per l'adozione volontaria di sistemi di certificazione di qualità da parte delle imprese di autotrasporto, in particolare quelle operanti nel campo delle merci pericolose.

Quindi, più attenzione e più rispetto delle norme da parte di tutti coloro che figurano come parte attiva nel processo del trasporto di merci pericolose.

Incidenti con sostanze pericolose

Sulla Gazzetta Ufficiale nr. 87 del 13/04/2006 è stata pubblicata la Direttiva del Presidente del consiglio dei ministri del 06/04/2006, relativa agli interventi in occasione di incidenti con presenza di sostanze pericolose.
Per leggere il decreto guardare qui!

martedì 11 aprile 2006

Imballaggi e codice IMDG

E' stato approvato e pubblicato sulla G.U. il seguente Decreto:

Decreto del 13 marzo 2006
Supplemento Ordinario 78 alla Gazzetta Ufficiale n. 76 del 31 marzo 2006
Norme integrative per l'approvazione di imballaggi, grandi imballaggi e contenitori intermedi

Con questo decreto del Comandante Generale del Corpo delle capitanerie di porto vengono definite, con riferimento ai requisiti previsti dal Codice IMDG nella parte 6, le attribuzioni di competenza degli Organismi autorizzati ai sensi dell'art. 30 del decreto del Presidente della Repubblica 6 giugno 2005, n. 134, in materia di approvazione di imballaggi, grandi imballaggi e contenitori intermedi.
In allegato al Decreto sono anche riportati i modelli da utilizzare per la stesura del rapporto di prova e per il certificato di approvazione.

Per leggere il Decreto guardare qui!

fonte: Orange Project

La riunione di Berna

Si è svolta a Berna, come in precedenza annunciato, la riunione congiunta dei gruppi di lavoro su ADR/RID/ADN.
Dal sito di Orange Project ecco un sunto breve sulle decisioni più importanti adottate:

BLEVE

E’ stato a lungo discusso, sia nel gruppo di lavoro “cisterne” che in sessione plenaria il documento olandese riguardante la proposta di prevedere l’obbligo di valvole di sicurezza e isolamento termico per le cisterne stradali e ferroviarie trasportanti gas infiammabili liquefatti.
In conclusione è stato deciso di dare incarico ad uno specifico gruppo di lavoro di esaminare la questione, tenendo conto di alcune questioni di principio (coerenza con l’attuale impostazione della normativa che mira essenzialmente a garantire la sicurezza in condizioni normali di trasporto).


Consulente per la sicurezza

E’ stato deciso di dare incarico ad un gruppo di lavoro di presentare una proposta per armonizzare gli esami per il consulente, tenendo conto del livello di competenza che è richiesto per il consulente.
Il gruppo potrà basarsi sull’analisi dei questionari e degli studi del caso in vigore nei diversi paesi.


Quantità limitate

La proposta francese di introdurre l’obbligo di identificare il trasporto di quantità limitate, quando queste siano trasportate in quantità superiori a 12 tonnellate (massa lorda), sul documento di trasporto e di etichettare i veicoli e i carri ferroviari, ha innescato una lunga discussione.
E’ stato fatto riferimento allo studio francese predisposto da INERIS, allo studio di OECD e PIARC per quanto riguarda la sicurezza delle gallerie stradali, agli esistenti requisiti in termini di documentazione e marcatura previsti dal Codice IMDG e dalle Technical Instructions dell’ICAO.
In conclusione è stato deciso di organizzare un gruppo di lavoro al fine di presentare una proposta che tenga conto della discussione e che non sia in contrasto con l’armonizzazione intermodale.

Il prossimo incontro importante dove verranno posti al vaglio del gruppo di lavoro (WP15) i nuovi emendamenti alla normativa è fissato per l'08-12 Maggio 2006 a Ginevra (80th Session)