img di fondo

img di fondo

domenica 29 gennaio 2006

Le basi della normativa per il trasporto di merci pericolose via aerea

Molte persone mi hanno chiesto la differenza esistente tra le Technical Instructions (TI) ICAO e la regolamentazione IATA (DGR), entrambi riguardanti il trasporto di merci pericolose via aerea.
Ne avevo gia' discusso in passato ma e bene riprendere e chiarire questo argomento.
Il Comitato Esperti Onu sul trasporto di merci pericolose elabora ogni due anni delle raccomandazioni per il trasporto di merci pericolose (escludendo le procedure riguardanti i materiali radioattivi di pertinenza dell'Agenzia Internazionale per l'Energia Atomica - IAEA) valide per tutte le modalità di trasporto.
Queste raccomandazioni Onu, chiamate UN Model Regulations (in vigore la 13* revised edition), insieme alle norme per i materiali radioattivi emanate dalla IAEA (Regulations for the Safe Transport of Radioactive Material - IAEA TS/R/1), vengono recepite dall'ICAO (Organizzazione dell'Aviazione Civile Internazionale) la quale emana le "Technical Instructions for the Safe Transport of Dangerous Goods by Air", le sole ad avere valore legale in giudizio nelle controversie.
Lo IATA (Associazione del Trasporto Aereo Internaionale), intervenendo sulle Techical Instructions ICAO e integrandone i contenuti con norme addizionali e piu' restrittive, emana le "Dangerous Goods Regulations" che costituiscono infine il manuale operativo pratico piu' usato al mondo da tutte le compagnie aeree ed altri operatori del settore.
Riassumendo:
Le DGR-IATA avendo come base le ICAO-TI ed essendo ancor piu' restrittive, sono riconosciute a livello internazionale come il solo manuale operativo-tecnico per il trasporto di merci pericolose via aerea, ma solo le Tecnichal Instructions ICAO hanno valore legale.
Le DGR-IATA sono edite ogni anno con applicazione dal 01/01 al 31/12.

giovedì 26 gennaio 2006

GHS

Dal sito di United Nations Economic Commission for Europe (http://www.unece.org/trans/danger/publi/ghs/presentation_e.html), è possibile scaricare il file aggiornato della presentazione del nuovo sistema GHS. (GHS rev.1)

domenica 22 gennaio 2006

Convegno a Milano sul Reach

OBIETTIVO REACH: CONVEGNO NAZIONALE

Apimilano, in collaborazione con Unionchimica, Confai e Camera di Commercio di Milano, ha organizzato un convegno nazionale sul nuovo regolamento europeo per le sostanze chimiche, dal titolo “OBIETTIVO REACH – Le pmi tra ambiente, salute e competitività”. Il convegno si terrà venerdì 3 febbraio 2006 presso la Camera di Commercio di Milano. La partecipazione è gratuita.

fonte: Flashpoint srl

sabato 21 gennaio 2006

Novità del prossimo futuro

La prossima settimana, esattamente Giovedì a Ginevra, si riunirà il gruppo di lavoro (WP15) che dovrà definire e prendere una decisione sul gravoso problema delle gallerie stradali in relazione al traffico di merci pericolose. Ne abbiamo già parlato e vedremo cosa accadrà.
Dal 20 al 24 Marzo 2006 a Berna, si riunirà ancora il WP15 che porterà all'ordine del giorno molte interessanti proposte di emedamento all'attuale normativa tra le quali segnaliamo la proposta Francese di munire di pannelli adeguati portanti la scritta "LQ", i veicoli che trasportano merci pericolose in Quantita' Limitate quando queste risultino caricate sull'unità di trasporto per un peso lordo superiore ai 12 ton.
Dunque possibili grandi novità nel panorama futuro del trasporto di merci pericolose (si pensi anche alla nuova etichetta di pericolo prevista per la classe 5.2 - quest'ultimo emendamento già approvato e pubblicato nella 14* edizione delle UN Model Regulations dell'ONU).
Ritorneremo piu' avanti nel merito di questo argomento.

Calendario 2006 per i divieti di circolazione mezzi pesanti

DECRETO MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI 19 DICEMBRE 2005: LIMITAZIONE CIRCOLAZIONE MEZZI PESANTI ANNO 2006

E’ stato pubblicato il Decreto Ministero Delle Infrastrutture e Dei Trasporti n. 3602 del 19 dicembre 2005 (G.U. n. 302 del 29/12/2005) che riporta il calendario per le limitazioni alla circolazione stradale fuori dai centri abitati per l'anno 2006.

Nella sezione "utility" è possibile leggere e scaricare il decreto.

Trasporto in cisterna....news

DECRETO MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI 19 SETTEMBRE 2005: TRASPORTO IN CISTERNA DI MERCI ADR

E’ stato pubblicato il Decreto Ministero Delle Infrastrutture e Dei Trasporti 19 settembre 2005 (G.U. n. 1 del 2/1/2006) che disciplina il trasporto su strada delle merci pericolose in cisterne.
Il decreto in oggetto detta le procedure di approvazione delle cisterne e la documentazione prevista ai fini della circolazione dei veicoli adibiti al trasporto su strada delle merci pericolose secondo l’ADR.
http://www.flashpointsrl.it/news/ShowAtch.asp?use=571&i=0



CIRCOLARE 4553-MOT2/E: APPLICAZIONE CAPITOLI 6.8 E 6.10 ADR 2005

La circolare 4553-MOT2/E della Direzione Generale per la Motorizzazione Dipartimento per i Trasporti Terrestri del 22 dicembre 2005 prevede alcune deroghe nell’applicazione dei capitoli 6.8 e 6.10 dell’Accordo ADR edizione 2005, relativi alle prescrizioni per la costruzione e l’approvazione delle cisterne. Tali proroghe sono state previste in considerazione dei tempi tecnici necessari per adeguare, in modo uniforme, le procedure di progettazione e di costruzione delle cisterne.
http://www.flashpointsrl.it/news/ShowAtch.asp?use=573&i=0

fonte: Flashpoint srl

CFP...news

DECRETO MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI 12 OTTOBRE 2005: SEMPLIFICAZIONI PER IL CONSEGUIMENTO CFP

E’ stato pubblicato il Decreto Ministero Delle Infrastrutture e Dei Trasporti 12 ottobre 2005 (G.U. n. 295 del 20/12/2005) che modifica il decreto 10 giugno 2004, recante l’attuazione della direttiva 96/86/CE del Consiglio dell'Unione europea, che adegua al progresso tecnico la direttiva 94/55/CE in materia di trasporto di merci pericolose.
Il decreto in oggetto elimina i limiti alla validità dei Certificati di formazione professionale ADR conseguiti in Stati extracomunitari, vengono infatti ad essere abrogati i punti 5-quinquies e 5-sexies introdotti con il decreto 10 giugno 2004.
Il testo integrale dei punti abrogati è di seguito riportato:

5-quinquies. I cittadini italiani, titolari di patente di guida italiana debbono, in ogni caso, conseguire il certificato di formazione professionale in Italia od in alternativa presso uno Stato appartenente all'Unione europea.
5-sexies. I cittadini italiani titolari di certificato di formazione professionale, conseguito presso uno Stato non appartenente alla Unione europea, devono, entro un anno, convertirlo presso un ufficio periferico della direzione generale della motorizzazione e della sicurezza del trasporto terrestre.
http://www.flashpointsrl.it/news/ShowAtch.asp?use=568&i=0

fonte: Flashpoint srl

martedì 3 gennaio 2006

La nuova ....classe 5.2

Nel mese di Settembre 2005, è stato pubblicato on line sul sito www.unece.org (United Nations Economic Commission for Europe), la nuova edizione (14*) delle " UN model regulations " che fornisce le basi per lo sviluppo delle normative internazionali nelle varie modalità per quanto concerne il trasporto di merci pericolose.
Tra i vari emendamenti importanti che costituiranno le novità della prossima edizione (2007) di tutti i regolamenti nelle varie modalità di trasporto, spicca la nuova etichetta della classe 5.2 che nasce dall'intento di meglio identificare e non confondere le merci appartenenti a questo gruppo con quelle della classe 5.1 (è risaputo dagli addetti ai lavori che le due etichette sono identiche tranne che nel numerino identificatico).
per un anteprima sulle novità della 14° edizione ecco il link:

http://www.unece.org/trans/danger/publi/unrec/rev14/14files_e.html